OL-6 - Mimmo: passione US Naval Aviation

Mimmo: passione U.S. Naval Aviation
Sea, sky technology, efficiency; what else?
This is an aircraft static modeling site, with no profit aim,
dedicated to the U.S. Naval Aviation.
It consists in a virtual museum of my hand-crafted models.
Mare, cielo, tecnologia, efficienza; cos'altro?
Questo è un sito di modellismo aeronautico statico, senza fini di lucro, dedicato alla Aviazione della Marina Statunitense.
Esso consiste in un museo virtuale dei miei modellini fatti a mano.
Mimmo: passione U.S. Naval Aviation
Potete zoommare e clikkare sulle foto se volete
Vai ai contenuti
Loening OL-6 Shoehorn
TIPO / TYPE
OL-6 Shoehorn
COSTRUTTORE / MANUFACTURER
LOENING
EPOCA / YEAR
1926
ESEMPLARE / SAMPLE
Buno 7345, VO-10, element 1
RIFERIMENTO / REFERENCE
come da scatola
CARICHI ESTERNI / EXTERNAL STORES

RAFFIGURAZIONE / DEPICTION
parcheggiato a terra

SCATOLA (ACQUISTO) / KIT (PURCHASE)
"Loening OA-1A Inline Shoehorn", Esoteric Models NAF-7  vacu-formed plastic with white metal details   (1993)
LAVORO / WORK
PARTI AGGIUNTIVE / AFTERMARKET PARTS
-
DECAL AGGIUNTIVE / AFTERMARKET DECALS
-
COMPLETAMENTO / COMPLETION
# 8 -  1997
LAVORO DI ARRICCHIMENTO
scultura
  • bordo circolare abitacolo posteriore (PL)
  • paratie irrobustimento fusoliera (W)
  • scali di assemblaggio e allineamento (W)
formatura a freddo di laminati metallici
  • sediolini (Pb) (3x)
sagomatura di laminati
  • montanti alari (P)
  • parabrezza (AC) (2x)
  • carter dorsale anteriore (P)
  • cinture di sicurezza (carta gommata)
  • fibbie cinture (Al)
  • griglie prese d'aria motore (tulle)
aste (dritte)
  • spine strutturali alari (Fe)
  • longheroni piani di coda (Fe)
fili (piegati o meno)
  • spine per le superfici deviate (Cu)
  • manetta, cloche e comandi abitacolo (Cu)
  • tiranti alari (Cu)
  • cavi comandi (Cu)
  • braccetti comandi (Cu)
  • puntoni carrello (Cu)
  • bitte, maniglie e gradini (Cu)
  • nervature chiglia (P)
tubi (pure telescopici)
  • tubi di scarico (Cu)
  • elementi longheroni alari (tubo Cu)
rilavorazione di parti originali
  • apertura baie carrelli
taglio [riassemblaggio] di parti originali
  • timone
  • equilibratori
COLORAZIONE
superfici superiori
  • aree in tessuto: Aluminum Dope
  • aree metalliche: Pontoon Grey
  • Humbrol 11
  • Humbrol 64

EB
superfici laterali
superfici inferiori
dorso alare e
piano orizzontale
  • chrome yellow
  • Humbrol 69

carrelli e vani

  • Humbrol 11
  • Humbrol 64

abitacolo

  • Humbrol 63
  • Humbrol 7
  • Humbrol 85

AB
LA SCATOLA / THE KIT
materiale
  • buono, ben lavorabile
finitura
  • nessun problema
  • centine alari ben evidenziate
  • alcuni pannelli ben incisi in fusoliera
   
dimensioni
  • buone
giunzioni
  • dipendenti sulla qualità del taglio delle parti imbutite
dettagli
  • sufficienti
decals
  • nessun problema
DIFETTI
  • nessuno importante
GIUDIZIO GLOBALE

PER ESSERE UN MODELLO FORMATO SOTTO VUOTO NON CI SI PUO' LAMENTARE, LE PARTI IN METALLO BIANCO SONO BEN FORMATE E PROPORZIONATE
LA REALIZZAZIONE

Il mio primo vacu-form (a quarant'anni); mi aspettavo un lavoro non facile, ma con un po' di pazienza e accuratezza tutto è andato per il meglio;
 
è importante studiare bene gli allineamenti dall'inizio, perché non ci sono riferimenti strutturali, soprattutto:
 
  • angoli di diedro delle semiali (ben parallele fra loro)
  • posizione relativa delle due ali (in senso longitudinale)
  • tutti gli angoli retti e  piani
  • per i carrelli va preparato un robusto punto di attacco all'interno ed anche per essi vanno preparati degli attrezzini di allineamento
     
Direi che si tratta di una buona realizzazione, io sono soddisfatto,
anche se sicuramente al mondo
ci sarà qualcuno che ha fatto di meglio
La famiglia di aerei da osservazione anfibi OL fu il principale prodotto dell'azienda Loening Aeronautical Engineering Company.
Il progetto si prefiggeva di ottenere un aereo anfibio che avesse prestazioni di volo non troppo degradate rispetto ad un gemello terrestre di simile potenza.
Per questo motivo si pensò ad un aereo terrestre con il motore in prua, i posti in tandem e con un galleggiante integrato, al contrario di quanto era avvenuto fino ad allora, cioè di avere una fusoliera che fosse direttamente uno scafo a posti affiancati (da cui il termine barca volante adottato dagli anglosassoni) con il motore sistemato in una gondola al di sopra della fusoliera o addirittura al di sopra dell'ala superiore.
In questa configurazione il carrello poteva essere retratto verso l'alto. Esso ruotava attorno ad un asse circa longitudinale e veniva parzialmente stivato nella carenatura del galleggiante, le ruote rimanevano mezze sporgenti ed in tal modo davano una bassa resistenza in volo e rimanevano fuori dall'acqua in galleggiamento.
Per il resto la struttura era abbastanza tipica con telaio in legno e rivestimenti in tela.
Ci furono parecchie versioni con diversi motori, in linea e radiali, con potenze tra i 450 e i 475 HP e pesi di circa 2500 Kg; ce ne fu una versione con un gancio d'arresto per l'uso su portaerei (-8A) ed una ambulanza (HL-1) che poteva portare fino a 6 passeggeri.
In tutto la marina ne impiegò poco più di 110 esemplari tra il 1923 ed il 1928.
L'esemplare rappresentato è molto tipico, appartenente allo Squadrone da Osservazione (VO) n. 10, era imbarcato sulla corazzata USS California (BB-44).

Nessun commento
Created With WebSite X5

SiteLock
Torna ai contenuti